TAN e TAEG: cosa sono, qual è la differenza e perché sono importanti

TAN e TAEG: cosa sono, qual è la differenza e perché sono importanti
Finanziamenti / Liquidità

TAN e TAEG: cosa sono, qual è la differenza e perché sono importanti

Condividi con:

TAN e TAEG sono elementi fondamentali da conoscere per ottenere un prestito aziendale a condizioni vantaggiose. Nel XXI secolo, infatti, richiedere un finanziamento che sia vantaggioso per gli imprenditori è diventato sempre più difficile. Sia per le nuove norme stringenti imposte dal Covid-19 sia per i criteri sempre più selettivi richiesti dagli istituti bancari (criteri stabiliti dalla Banca d’Italia). In pratica, vengono soppesate la tua affidabilità creditizia, il tuo rating bancario, la tua posizione nella Centrali Rischi e i SIC, il tuo reddito, dimostrabile e sufficiente a garantire il rimborso del prestito, l’età e le garanzie che puoi fornire.

Per questi motivi è importante, prima ancora di recarti in banca ed affrontare un iter burocratico lunghissimo, conoscere il TAN e TAEG del finanziamento che vuoi sottoscrivere. Solo così potrai individuare il prodotto finanziario più adatto alle tue esigenze. Continua a leggere questo articolo per scoprire nel dettaglio cosa sono TAN e TAEG e come calcolarli.

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Cosa sono TAN e TAEG

Per ottenere un finanziamento da un istituto finanziario, bisogna inviare a quest’ultimo una richiesta di prestito partendo informati e preparati. In questa fase preliminare, confronta i prodotti finanziari disponibili e possibili offerti da differenti istituti di credito. Ciò può avvenire senza alcun impegno da parte tua nei confronti degli istituti con cui intendi stipulare il prestito (diffida dagli istituti che ti propongono un preventivo sotto compenso economico e vincolante).

TAN e TAEG sono determinati proprio in quella fase preliminare: ti permettono  di verificare i costi effettivi di ogni singola soluzione di finanziamento e di confrontare offerte diverse sia dello stesso istituto di credito che di diversi operatori, con la possibilità di identificare così in modo semplice e chiaro quelle meno costose. Detto in altre parole, sono percentuali individuabili nel contratto e nel documento di sintesi di un prestito o un finanziamento che ti aiutano a confrontare il prodotto più conveniente. 

Differenza tra TAN e TAEG

La differenza si può riassumere come segue:

  • TAN (Tasso Annuo Nominale) esprime in percentuale e su base annua gli interessi relativi al prestito. Esprime il costo totale del prestito. Si tratta del tasso di interesse applicato dalle banche e dalle società finanziarie all’importo lordo del finanziamento per calcolare gli interessi dovuti dal cliente sull’operazione. Ha, quindi, un effetto diretto sul costo del finanziamento e sull’importo delle rate che dovranno essere rimborsate. Per questo motivo il TAN tiene conto soltanto degli interessi e non delle altre componenti di costo dell’operazione.
  • TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) comprendendo tutte le spese accessorie dell’accensione di un mutuo.  Ha lo scopo di informarti sul costo globale di un’operazione di prestito in base alle specifiche condizioni applicate, 

Quale valore valutare prima di richiedere un prestito

Quale valore pesa di più nella richiesta di finanziamento? In verità, possiamo dire entrambi. Il TAN è fondamentale per determinare quanto ammonta la quota interessi e la quota capitale di ognuna delle rate che la tua impresa deve restituire mensilmente fino alla completa estinzione del debito (secondo il piano di ammortamento stabilito dall’istituto di credito scelto).

Se tale valutazione ha esito positivo, la richiesta è pre-approvata e l’istituto erogante, mostrerà alla tua impresa il modulo SECCI (Standard European Consumer Credit Information). Con questo documento informativo puoi avere una sorta di preventivo del contratto che contiene oltre al costo totale del prestito, il TAN e il TAEG ed altre informazioni come le condizioni e i costi previsti dal finanziamento affinché tu possa sottoscrivere il prestito in totale trasparenza.

Il TAEG riporta già una sorta di preventivo sul preventivo, riportando la percentuale di costo globale del prodotto finanziario, consentendo di scegliere in anticipo  quale prestito e quale istituti finanziario è più conveniente per te. Sia il documento precontrattuale che gli istituti di credito hanno l’obbligo di consegnare al richiedente (IEBCC o SECCI) sia il contratto definitivo devono per legge contenere il TAN e TAEG.

Come calcolare TAN e TAEG

Per quanto riguarda il suo calcolo, questo si differenzia a seconda del tasso del finanziamento che si vuole sottoscrivere.

  • un finanziamento a tasso variabile, nel quale viene calcolato sommando ad indici come l’Euribor (Euro Inter Bank Offered Rate) o il tasso BCE, lo spread, ovvero il guadagno lordo dell’istituto sull’operazione
  • un finanziamento a tasso fisso, nel qual caso invece viene calcolato facendo riferimento agli indici Eurirs (Euro Interest Rate Swap), che rappresentano il tasso di interesse annuo medio applicato dalle banche europee alle operazioni di swap per durate superiori ad un anno, ai quali andrà sommato sempre lo spread stabilito dall’istituto.

Nel calcolo del TAN però non vengono compresi gli oneri accessori che vengono invece compresi nel calcolo del TAEG(detto indice sintetico di costo (ISC)) .  Nel calcolo del TAEG, quindi sono compresi:

  • provvigioni 
  • spese accessorie di istruttoria, di apertura pratica e di incasso delle rate, 
  • si deve tenere conto del TAN stesso 
  • l’eventuale compenso riconosciuto dal cliente ad un intermediario del credito per l’ottenimento del finanziamento ( direttiva europea EU 2008/48/CE, dal 1 giugno 2011)
  • le spese assicurative per quelle polizze che costituiscono un requisito necessario per ottenere il credito o ottenerlo a specifiche condizioni 
  • gli oneri fiscali, come ad esempio l’imposta di bollo sui contratti.

Come valutare il proprio TAN e TAEG

Ora che hai compreso cosa sono TAN e TAEG, passiamo a capire come poter ottenere un finanziamento dopo una loro preventiva valutazione. Vista la difficoltà, in questo particolare momento storico-economico, procedere da soli nel valutare le opportunità possibili di accesso al credito, può rivelarsi complesso. Puoi trovare un alleato in un consulente esperto in finanza aziendale in grado di individuare una soluzione più adatta alle tue esigenze come noi di CorporateCredit.

Il vantaggio di rivolgersi a noi di CorporateCredit è poter disporre di un consulente specializzato che ti aiuta a valutare nuove opportunità di credito, ti indica le migliori agevolazioni per la tua impresa e ti supporta durante tutto il percorso di richiesta del credito. Se desideri accedere ad una o più opportunità di prestito, attualmente disponibili, richiedi subito una prima consulenza gratuita e non vincolante.

Altri Articoli